Vedi profilo

Grandi investimenti nel nocode

Grandi investimenti nel nocode
di Stefano Failla • Newsletter #6 • Visualizza online
Anche se siamo in Agosto, tempo di vacanze, manteniamo il nostro appuntamento del primo sabato del mese con la newsletter.
Ma in questo numero non ti proporrò approfondimenti tecnici o argomenti troppo impegnativi. Ne approfitto solo per un augurio di un sereno periodo di ferie, da trascorrere nel modo più spensierato possibile. E chissà che riposando sotto l'ombrellone o durante una passeggiata in montagna non ti venga l'ispirazione per creare una bella web app, rigorosamente #nocode, per risolvere un problema personale, della tua comunità o della tua azienda.
L'unica notizia che voglio riportare in questa newsletter è la bella storia di Bubble, che ha appena chiuso un round di investimento di $ 100 milioni. E’ una notizia davvero eccellente, non solo per i due fondatori e per il team di Bubble ma anche per tutta la community di nocoders.
Ci vediamo (ops, forse meglio dire “ci leggeremo”) in Settembre per continuare a scoprire il movimento nocode.
Un cordiale saluto
Stefano

Bubble raise $ 100 M
No-code startup Bubble pops with $100 million Series A round – TechCrunch
Articolo di TechCrunch tutto da leggere, assieme al post di Emanuel e Josh sul blog ufficiale di Bubble (link qui sotto).
La storia di Bubble inizia nel 2012, quando due amici del MIT hanno avuto l'idea di creare una piattaforma per sviluppare applicazioni web senza conoscere il codice informatico (loro stessi non sono degli informatici, ma dei matematici).
Emanuel, uno dei fondatori, dice nel blog:
Abbiamo avuto difficoltà a spiegare agli utenti in che modo eravamo diversi dai costruttori di siti Web statici e quando siamo riusciti a far passare il concetto, di solito siamo stati accolti con scetticismo e incredulità.
Ma poi aggiunge che le cose oggi sono veramente cambiate molto.
Bubble è lo stack tecnologico per imprese reali: ci sono aziende che usano Bubble che hanno raccolto round di finanziamento e elaborato decine di milioni di dollari di entrate.
Nel corso degli anni l'azienda è cresciuta, seppure lentamente per rimanere in utile, arrivando ad una ventina di addetti prima della pandemia ed a 45 addetti ad oggi. Bubble ha accettato un solo round di finanziamento “seed” da 6.5 milioni di dollari nel 2019.
Oggi conta quasi un milione di utenti e con il nuovo finanziamento continuerà a crescere sino a quando verrà compiuta la mission, che Emanuel definisce così:
Considereremo il nostro lavoro svolto quando sarà più facile creare attività di livello mondiale su scala Web senza codice piuttosto che progettarle manualmente, quando il 95% del software sarà scritto da persone senza background educativo formale in ingegneria, quando anche le aziende non fondate da programmatori potranno essere aziende tecnologiche, quando la creazione di software sarà così economica, veloce e facile che chiunque, indipendentemente da dove vive, da quanti soldi ha e dal suo livello di istruzione, potrà farlo.
L'obiettivo è sicuramente ambizioso, ma sino ad ora Emanuel e Josh hanno dimostrato di avere visto giusto. Avanti così, Bubble !
___________________
Ti ricordo che puoi seguire il mio account Twitter per restare in contatto tra una newsletter e l'altra. Se vuoi maggiori informazioni sul #nocode, imparare ad utilizzare #Bubble o ti serve un supporto per il tuo progetto #nocode, rispondi a questa email e parliamone.
Le consultazioni video gratuite di 30 minuti sono sospese per i mesi di luglio e agosto. Ci rivediamo a settembre !
Se vuoi farmi un favore, consiglia questa newsletter ai tuoi contatti e aiutami a fare crescere il numero dei miei lettori. Grazie !
Appuntamento tra un mese.
Ti piace questa newsletter?
Diventa un membro per €5 al mese
Non perdere le altre pubblicazioni di Stefano Failla
Stefano Failla

Ogni mese aggiornamenti e approfondimenti per chi è interessato allo sviluppo di web application #nocode. Non serve conoscere il codice di programmazione per realizzare le tue idee!

Puoi gestire la tua iscrizione qui
Se hai ricevuto questa newsletter tramite inoltro e ti piace, puoi iscriverti qui.
Curato con passione da Stefano Failla con Revue.