Lettereette

di Nicola Andreetto

Mettete in sella chiunque

#15・
15

pubblicazioni

Iscriviti alla nostra newsletter

By subscribing, you agree with Revue’s condizioni generali and politica sulla privacy and understand that Lettereette will receive your email address.

Mettete in sella chiunque
di Nicola Andreetto • Newsletter #15 • Visualizza online
Andare in moto è un privilegio che chiunque dovrebbe essere in grado di concedersi. Sta forse diventando sempre più difficile?

Alle prese con la nuova Scram 411 nell'Oltrepò pavese.
Alle prese con la nuova Scram 411 nell'Oltrepò pavese.
Ho sempre pensato che andare in moto fosse un privilegio. Volare rasoterra in una danza di equilibrio totalmente immersi in ciò che circonda il nostro corpo spinti da una forza magica è sempre stato per me l'equivalente di avere un tappeto volante. Ho sempre pensato che questo privilegio, però, fosse alla portata di molti se non di tutti e che sempre più persone avrebbero dovuto provarlo.
Per questo ho sempre incoraggiato gli altri a viaggiare in moto, qualsiasi moto. Per me non è mai stata una questione di potenza, di tecnica o di velocità massima. Chiaro che la velocità è una componente dell'andare in moto così come lo sono quell'equilibrio instabile che ogni tanto si rompe e quella pericolosità intrinseca dell'essere esposti agli agenti. Il cosiddetto brivido. Ma viaggiare in moto per me è essere leggeri e liberi, zavorrati solo dello stretto necessario e aperti a tutto, dagli incontri alla pioggia che magari ci guasta la festa o ci fa aspettare o ancora ci costringe ad una deviazione.
Con questo spirito ho avviato il progetto dell’Escartons Brevet, la prima sfida mototuristica che non solo fai quando vuoi e con i tempi che vuoi, ma nella quale più sei lento e più sei un figo. Ti porterà su alcuni dei più alti e bei passi alpini e… Le iscrizioni sono aperte!
Per lo stesso motivo ho sviluppato una personale predilezione per le moto semplici ed accessibili. Il che non significa che aborro la tecnologia o il progresso, ma che preferisco togliere anziché mettere, ridurre i filtri anziché aumentarli. Ne abbiamo parlato (ancora una volta, lo so sono ripetitivo) anche nella diretta di ieri sera e la scusa me l'ha data Royal Enfield con questa motina che vedi qui sotto, la Scram 411.
SCRAM 411: prime impressioni dal press test
SCRAM 411: prime impressioni dal press test
La Casa indiana assieme a pochissime altre sta proponendo, vuoi per filosofia vuoi per convenienza, ciò di cui parlavo prima ovvero moto semplici ed accessibili. Insomma moto che vanno bene per tutti perché non sono complicate da guidare, non costano una follia e non richiedono una manutenzione onerosa. Allargano la base. Ecco perché ultimamente mi ritrovo spesso a parlare di Royal Enfield. Ed ecco perché mi piacerebbe rivedere un pizzico dello stesso approccio, di quella voglia di semplicità e di accessibilità, anche da parte di altri marchi.
Temo che a forza di parlare solo di prestazioni e di innovazioni ci si sia dimenticati di parlare di emozioni. Salvaguardare la loro purezza dovrebbe essere scolpito sulle pareti di tutti gli uffici marketing e progettazione prima che a parlare di moto rimanga soltanto gente con i capelli bianchi e per farlo si usi il passato remoto.
Week-end CLANdestino: nuove date e adesioni
Per cause di forza maggiore sono costretto a posticipare il Week-end clandestino di una settimana. Si terrà dunque dal 27 al 29 maggio prossimi. So che creo un disagio per chi già si era organizzato e me ne scuso sinceramente, ma non ho potuto fare altrimenti. Sulla pagina Patreon ho già condiviso il post per l'adesione con le prime informazioni. Ti aspetto!
Ti piace questa newsletter?
Nicola Andreetto

Giornalista / Copywriter
🏁Dai Gas Responsabilmente 🇮🇹
http://www.linktr.ee/Motoreetto

Per non ricevere più questi aggiornamenti, clicca qui.
Se hai ricevuto questa newsletter tramite inoltro e ti piace, puoi iscriverti qui.
Curato con passione da Nicola Andreetto con Revue.
via Montale 39, 20004 Arluno, Milano.