Lettereette

di Nicola Andreetto

Le velleità ti aiutano a dormire

#4・
15

pubblicazioni

Iscriviti alla nostra newsletter

By subscribing, you agree with Revue’s condizioni generali and politica sulla privacy and understand that Lettereette will receive your email address.

Le velleità ti aiutano a dormire
di Nicola Andreetto • Newsletter #4 • Visualizza online
La presentazione, a poche ore di distanza, di altre due importanti novità nel segmento “big adventure” mi ha fatto ricordare una canzone di dieci anni fa e, in fondo, uno dei motivi per cui scegliamo una moto.

La nuova Triumph Tiger 1200 in azione
La nuova Triumph Tiger 1200 in azione
La scorsa settimana ti parlavo di sogni, intesi come visioni del futuro. Oggi mi ritrovo casualmente a rimaneggiare lo stesso termine, ma più nell'accezione di aspirazioni che, talvolta, si traducono in velleità. Ecco, oggi parlo proprio di velleità.
Non so se la ricordi, ma una decina d'anni fa suonò parecchio la canzone “Velleità” de I Cani. Faceva così:
“Le velleità ti aiutano a dormire
Quando i soldi sono troppi o troppo pochi
E non sei davvero ricco né povero davvero”
Ho trovato da subito brillante quella canzone (e molte altre de I Cani devo dire) perché andava dritta al punto. Tutti nutriamo delle volontà imperfette, dei desideri che non riescono a definirsi in volontà vera e propria, tanto sul lavoro quanto nella sfera più personale. Auto-alimentiamo delle aspirazioni che non hanno effettive possibilità di realizzazione per mancanza di capacità o adeguata volontà o impegno. Come ci dipinge quella canzone, però, le nostre velleità finiscono per definirci in qualche modo e incasellarci in gruppi, categorie, ma non in modo definitivo perché possono mutare con il tempo perché cambia il nostro desiderio di appartenenza a un modello.
Lo so, tu vorresti solo che parlassi di moto e tranquillo, ci arrivo subito, oggi va così.
Triumph Tiger 1200 Rally Pro in azione
Triumph Tiger 1200 Rally Pro in azione
Nelle ultime ore sono state svelate la Triumph Tiger 1200 e la Ducati Desert X, due belle maxi che si aggiungono al novero delle moto che infiammano le nostre velleità di avventura più estrema. Non ci basta una moto che ci faccia viaggiare, ne vogliamo una che possa arrivare ovunque possibilmente impennando, derapando, saltando. Anche se cosa un occhio della testa.
Ducati Desert X in azione
Ducati Desert X in azione
Sappiamo entrambi che la maggior parte di noi non solo non le userà per attraversare lande desolate e deserti africani ma non farà neppure mezza impennata, forse giusto una strada bianca per raggiungere l'agriturismo. Eppure, chissenefrega, le vogliamo così e vogliamo che ce le raccontino così. Perché è proprio questa narrativa che alimentando quelle aspirazioni ci aiuta a identificarci con il “precision rider” della foto il quale manco lui, a dire il vero, nella maggior parte dei casi sta vivendo un'avventura reale. A contare è l'idea.
Le Case mettono tecnologia, conoscenza, maestria e marketing. Noi dobbiamo soltanto scegliere la nostra velleità. Afferrare il nostro desiderio imperfetto e tenercelo stretto per estrarre, in base alle possibilità che ci concede la vita reale, quelle gocce sature di soddisfazione che in fondo ci fanno sentire più vivi.
“Le velleità ti aiutano a campare
Quando mancano sei giorni all'analista
Ed è tutto così facile o così difficile
Nell'altro divanetto che non paghi per intero”
LIVEetto del 09 dicembre 2021: è arrivata la Triumph Tiger 1200
LIVEetto del 09 dicembre 2021: è arrivata la Triumph Tiger 1200
Ti piace questa newsletter?
Nicola Andreetto

Giornalista / Copywriter
🏁Dai Gas Responsabilmente 🇮🇹
http://www.linktr.ee/Motoreetto

Per non ricevere più questi aggiornamenti, clicca qui.
Se hai ricevuto questa newsletter tramite inoltro e ti piace, puoi iscriverti qui.
Curato con passione da Nicola Andreetto con Revue.
via Montale 39, 20004 Arluno, Milano.