Vedi profilo

#16: si può fare senza il Metaverso

#16: si può fare senza il Metaverso
di Algoritmo Umano • Newsletter #20 • Visualizza online
Ma se ti dicessi che il Metaverso non ci serve? Forse è una provocazione, forse no. Ti metto negli occhi un paio di riflessioni.

Image by Dariusz Sankowski from Pixabay
Image by Dariusz Sankowski from Pixabay
La scoperta della geolocalizzazione
Negli ultimi mesi ho riflettuto spesso e ho incontrato spesso il concetto della geo localizzazione. Parto da qui per raccontarti una cosa che ho scoperto grazie alla straordinaria newsletter di Andrea de Cesco. Puoi leggerla cliccando qui sotto:
I podcast geolocalizzati saranno un'alternativa al metaverso?
Hai capito bene. Questa start-up italiana ha realizzato una piattaforma di podcasting geolocalizzati, introducendo in maniera sistematica un concetto di doppio luogo nel quale il fruitore del contenuto si trova. Sto parlando del luogo fisico nel quale è e agisce e del luogo digitale nel quale può fruire del contenuto che gli viene proposto.
Ho lavorato anche io sulla questione del raddoppio dei luoghi nei quali si trova l'internauta, quando, assieme al collega e amico Fabio Ranfi abbiamo inventato, prima su Clubhouse e poi su Twitter, il Fat Walkers Club. Semplice l'obiettivo: camminare ognuno nei suoi luoghi e chiacchierare in un luogo digitale unico.
I podcast, metaverso della voce
In questo modo i podcast assumono un valore profondamente differente rispetto alla loro classica configurazione. Aumentano, infatti, la possibilità di godere di esperienze e di contenuti mentre si sta attraversando un determinato spazio. Ho scaricato l'applicazione di Loquis che puoi trovare qui e ho avuto subito una dimostrazione pratica di come l'esperienza dell'ascolto di podcast cambi radicalmente nel momento in cui questa è sviluppata e vissuta nello spazio. Ieri sera, infatti, nonostante i 36° alle otto di sera, sono stato a camminare nella mia Bovisa, quartiere popolare di Milano pieno di tante cose particolari. A un certo punto, in un'anonima via di questo quartiere, il mio Apple Watch mi ha segnalato una notifica della app. Loquis mi avvertiva che, legato a quel punto, c'era una podcast che raccontava una vicenda accaduta molto tempo prima proprio in quel punto.
Ti rendi conto di cosa possa significare tutto questo? Una sorta di metaverso dell'audio grazie al quale ho saputo, mentre camminavo, di una storia accaduta molto tempo prima proprio nel punto in cui mi trovavo. Una realtà aumentata, grazie all'audio, che può sviluppare una serie infinita di opportunità, sia sotto il profilo dei contenuti che sotto il profilo di eventuali opportunità economiche legate a questo nuovo modo di fruire i podcast.
Il messaggio di Loquis
Le storie che ti circondano e che non conosci sono tutte lì ad aspettarti. Non so se ti viene in mente quello che viene in mente a me, ma prova a pensare a dei media geolocalizzati che, con lo strumento agile della voce, ti informano sulla realtà che ti circonda da vicino, quella che ti sta di fianco, aumentando le tue possibilità di apprendimento del mondo circostante. Pensa alle istituzioni e alle località turistiche, alle eccellenze del nostro territorio, alle strade, ai sentieri, ai percorsi, ai viaggi.
Questo è il messaggio di Loquis: per aumentare la realtà, vasta la tua voce. Il metaverso con il suo secondo mondo, con i suoi server, con la sua realtà parallela, non ti serve. Basta una app che ti avverte quando passi vicino a una bella storia da sentire. Oppure ti aiuta quando hai una bella storia da raccontare.
L'audio c'è e resta
Quello di Loquis è un messaggio di speranza per il mondo dell'audio ed è un fenomeno destinato a crescere. Penso sia anche un bel modo di dare ulteriore valore allo strumento dei contenuti fatti tramite l'audio. Dopo l'arretramento delle big dei social nei confronti dei social audio, temevo che questo settore dell'interazione via web fosse destinato a chiudersi, ma questo comparire dei podcast geolocalizzati, mi ha fatto pensare che il momento di crisi che l'audio sta attraversando sia soltanto un momento di crescita. L'audio e le sue possibilità ci sono e restano con noi. La audio augmented reality è un'opportunità molto interessante: una sorta di navigatore GPS delle storie che ti trovi davanti, un modo di vivere i tuoi luoghi con una profondità del tutto diversa.
Loquis - Ascolta e Racconta il Mondo - Podcast Geolocalizzati
Ti piace questa newsletter?
Diventa un membro per €5 al mese
Non perdere le altre pubblicazioni di Algoritmo Umano
Algoritmo Umano

Giornalismo, content creation, social media, social audio, business e vita ... in salsa “mobile”.

Puoi gestire la tua iscrizione qui
Se hai ricevuto questa newsletter tramite inoltro e ti piace, puoi iscriverti qui.
Curato con passione da Algoritmo Umano con Revue.